HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 28, 2016

Alla deriva


Non c’è altro da accettare se non la distonia completa dei miei ricordi, tu sai cosa appare nel complessivo isterismo acceso dalle distanze.

Annunci

Ancorato alle distanze


Ancorato alle distanze accolte su piani di riscontro matematici, il suono si rivela ingolfato ed esteso, estremo, mostrato via oltre la distanza immorale del tuo Io.

Futurismo Renaissance, per un futurismo del ventunesimo secolo | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione, notevolmente ricca, di Futurismo Renaissance, il saggio a cura di Roberto Guerra che sonda il nuovo Futurismo partendo da quello storico, con contributi di decine di autori (c’è anche il mio modesto contributo). Un estratto:

ll Futurismo è ancora vivo? È possibile rintracciare una continuità tra il “futurismo storico” e le operazioni allestite da chi afferma di recuperarne l’eredità? Futurismo Renaissance è una ricognizione a 360° sul futurismo contemporaneo, tornato alla ribalta in tutto il mondo dopo la grande mostra retrospettiva allestita al Guggenheim Museum di New Work nel 2014.

Oggi, questo movimento artistico, culturale e filosofico viene rilanciando in dis-continuità concreta con il futurismo storico attraverso la nascita ed il lavoro di nuovi gruppi sinergici di artisti, scrittori, sociologi, nuovamente operativi. 
Ritorno in generale delle avanguardie anche oltre al nuovo futurismo, con altrettanti nuovi gruppi artistici e futuribili in primo piano nella cultura italiana del nostro tempo. 
Gli oltre cinquanta autori coinvolti lo dimostrano.

Recensione: “Rivelazione” (Revelation Space, 2000) di Alastair Reynolds | AndromedaAndromeda


Splendida recensione a Rivelazione, il grandioso romanzo di esordio per il mercato italiano di Alastair Reynolds, uscito qualche anno fa su Urania in due puntate. Su AndromedaSF.

Il romanzo “Rivelazione” (“Revelation Space”) di Alastair Reynolds è stato pubblicato per la prima volta nel 2000. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1550/1553 di “Urania” nella traduzione di Riccardo Valla.

Alastair Reynolds è un astrofisico che per vari anni ha lavorato per l’ESA. Per circa un decennio ha scritto racconti di fantascienza nel tempo libero e in parecchi di essi aveva già delineato l’universo narrativo in cui è ambientato “Rivelazione”, il suo primo romanzo. In seguito esso è stato chiamato universo della Rivelazione proprio in seguito alla pubblicazione di questo romanzo.

“Rivelazione” è ambientato nel XXVI secolo, quando l’umanità è ormai sparsa nello spazio e ha colonizzato vari pianeti. I viaggi interstellari vengono compiuti con astronavi che viaggiano a velocità vicine a quella della luce ma senza superarla perciò possono impiegare molti anni per andare da un pianeta all’altro. Nel corso dei secoli l’umanità si è frammentata in varie forme di transumanesimo con utilizzi diversi di tecnologia per potenziare le capacità fisiche e mentali degli esseri umani.

“Rivelazione” comincia con tre sottotrame diverse che però riguardano tutte uno dei protagonisti, Dan Sylveste. Una delle sottotrame segue le ricerche dell’archeologo sul pianeta Resurgam, dove studia la catastrofe che ha cancellato la civiltà degli Amarantini. La seconda è ambientata sull’astronave “Nostalgia dell’Infinito”, dove il capitano è incapacitato a causa di una specie di peste e i suoi ufficiali cercano Sylveste perché potrebbe aiutarlo. La terza segue le vicende di Ana Khouri, un’assassina su commissione che viene incaricata di uccidere Sylveste.

La parte iniziale di “Rivelazione” è piuttosto complessa da seguire perché le tre sottotrame sono ambientate su pianeti diversi e comprendono viaggi interstellari perciò gli eventi si svolgono in parecchi anni. Questi eventi non sono narrati in una sequenza cronologica perciò è importante prestare attenzione all’anno indicato all’inizio di ogni capitolo però è chiaro che questa scelta aggiunge difficoltà alla lettura.

“Rivelazione” contiene una notevole quantità di idee perché Alastair Reynolds ha creato una trama che gli ha offerto il modo di presentare il suo universo narrativo a chi non aveva mai letto i racconti in esso ambientati. Dan Sylveste ha infatti un passato complesso in cui è stato coinvolto in varie ricerche che vengono pian piano raccontate nel corso del romanzo.

Visioni romane – Come la fantascienza italiana ha descritto la capitale – Carmilla on line ®


Su CarmillaOnLine un bell’articolo che esplora la Fantascienza ambientata a Roma nell’arco del secolo scorso fino ai nostri giorni. Un estratto:

Al di là delle molte premonizioni che troviamo nella narrativa popolare italiana, è a partire dalla Seconda Guerra Mondiale che si inizia a sviluppare consapevolmente una fantascienza italiana. Ma, prima ancora di un genere letterario autonomo, la fantascienza è una tensione a sondare un futuro che il presente stava determinando. In Italia questo esercizio di speculazione sembra particolarmente difficile; la società dell’epoca è succube di una cultura bigotta ed è diffusa una spiritualità superstiziosa, il potere politico della Chiesa è fortissimo e le sue gerarchie avevano ampiamente appoggiato il fascismo, negli intellettuali è presente un forte sentimento antiscientifico che impedisce di cogliere le direttrici tecniche che la ricostruzione del Paese aveva abbracciato, e che condanna la cultura accademica a una volontaria marginalizzazione. Inoltre l’intera nazione era stata sottoposta a una capillare propaganda che aveva enfatizzato e vagheggiato un ruolo speciale dell’Italia, a cui molti si erano abituati e che ancora oggi spontaneamente si ripresenta, e che ostacolava una presa di coscienza delle gravi responsabilità politiche della classe dirigente italiana e del clero. In questo senso la descrizione di Roma che si può leggere nella fantascienza, e che simboleggia le difficoltà dell’intera nazione, è spesso permeata di un forte senso morale, da una critica rigorosa, da una visione quasi swiftiana di mondo alla rovescia della denuncia di un intrico di corrotti e corruttori.

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

multa paucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi. Poche parole... solo per le opere per cui vale la pena spenderle... Sponsored by CSBNO

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 27 y/o ♍

✏Drawings are the window to the soul 📚Book cover artist @edizioniunderground/@edizioniopen 🌋Sicilian blood ♥Goth lover 📨evelynartworks@virgilio.it 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Sabbiature Magazine

Società, costume, cultura

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: