HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Che cos’è la “crowdculture”? – D Editore


Sul crowdfunding, una strada ampiamente percorsa da Deleyva Editore. Dal suo blog:

Negli ultimi anni si è sentito parlare con sempre maggior insistenza di crowdfunding, una tecnica che, a quanto pare, sarebbe in grado di risolvere ogni problema di qualsiasi startup, ente pubblico o grande impresa. Secondo la pagina di Wikipedia,

il crowdfunding (dall’inglese crowd, folla, e funding, finanziamento), è un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni. È una pratica di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse.

Per l’autore della pagina di Wikipedia, uno degli aspetti principali della pratica del crowdfunding sarebbe quello economico. Eppure, non è così: che differenza c’è tra il crowdfunding ed una tradizionale raccolta fondi? È proprio la prima parte della parola a suggerircelo, crowd, ossia folla.
Uno degli aspetti fondamentali del crowdfunding, infatti, è proprio la capacità di coinvolgere nel progetto un numero il più alto possibile di persone interessate all’idea del proponente al fine di creare una comunità capace di partecipare in modo attivo al progetto, contribuendo alla sua realizzazione non solamente con un piccolo sostegno economico ma, soprattutto, con il proprio carico di idee, esperienze, suggerimenti. Questo processo in particolare viene di solito chiamato crowdsoursing, che può essere definito in termini più semplici in uno sviluppo collettivo di un progetto da parte di numerose persone esterne all’entità che ha ideato il progetto stesso.

C’è da dire, che l’editoria fatica ad affrontare questo processo nella sua interezza, utilizzando il crowdfunding per lo più come una campagna di prevendita del libro che di lì a poco verrà pubblicato. Noi, sin dalla nostra nascita, abbiamo sempre creduto nell’importanza del crowdfunding e del crowdsoursing: è grazie a questo confronto diretto con la comunità di lettori che piano piano si è raccolta attorno al nostro progetto editoriale che siamo riusciti a migliorare il nostro lavoro così tanto negli ultimi anni! Certo, questo espone a molte critiche, e le critiche a dei rischi. Ma per noi è diventato fondamentale lavorare in questo modo con le decine e decine di amici che hanno il piacere di condividere il nostro percorso! Per fare questo usiamo un gruppo di discussione (che per comodità affidiamo alla rete di facebook), che viene usato anche per discutere dei temi legati ai nostri libri. E guarda un po’, anche quest’attività ha un nome, ossia crowdreading, che è qualcosa di più del semplice scambio di opinioni e riflessioni sui libri, ma diventa una scrittura collettiva che cerca di superare e ampliare gli orizzonti tracciati dal testo in questione (oltre che, ed una volta ci avete pizzicato, a correggere possibili errori presenti nell’edizione che viene commentata)!

Insomma, che cos’è la crowdculture?

Crowdculture è condivisione, scambio, orizzontalità, non aver paura del confronto, ma soprattutto comunità! Siamo orgogliosi di poter dire, infatti, che noi non stiamo semplicemente pubblicando libri, ma creando una comunità di lettori aperti all’innovazione, alla cultura urbana, alla cultura della condivisione!

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: