HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per marzo 9, 2019

Suspiria. La ricercatezza e la potenza nel remake di Luca Guadagnino – art a part of cult(ure)


Su ArtPartCulture la recensione Suspiria, che mi sento di confermare in toto. Presto, spero, la mia versione sulla critica al capolavoro di Guadagnino. Un estratto:

La struttura di Suspiria è senza dubbio complessa e stratificata: le incognite da trovare sono innumerevoli e ben celate. Per quanto tutte le risposte vengano date fin dal principio, trovare il giusto percorso per arrivare ad esse equivale al perdersi in un labirinto di suggestioni, riflessi, percezioni e pulsioni inconsce e destabilizzanti.

La danza, il filo rosso riscorrente, è l’ago della bilancia che pende, a cadenze alternate sul piatto della vita e su quello della morte, coinvolgendo la passione – sentimentale e fisica –, la rabbia e la distruzione. La danza è una possessione, una primitiva, sensuale e orgasmica opera di manipolazione, un rito di conversione e di estraniamento da tutto ciò che è reale. Le ballerine perdono la loro umanità per divenire corpi animaleschi che con i loro gesti netti e puliti scandiscono la trasformazione, l’abbandono del razionale, favorendo l’incarnazione dell’oscuro stregonesco e del proibito seducente.

Non vi sono contorni delineati: bene e male non sono mai concetti assoluti, ma maschere flessibili che nascondono riflessi distorti ed evanescenti. Si è chi si vuole essere o la riproduzione di un modello imposto da una forza suprema e manipolatrice? Trovare la propria autenticità nel caos dell’incessante rivolta interiore è possibile solo se ci si pone un obiettivo. Susie Bannion sceglie di essere le mani della compagnia di danza, e lo diventa, donando se stessa e aprendosi – non solo metaforicamente – all’ignoto.

L’ambientazione storica, nel cuore dell’autunno tedesco, supportata dai frequenti rimandi al Terzo Reich contribuisce ad alimentare la convinzione che brandelli di male siano latenti ovunque, pronti ad intaccare ogni animo, a persuaderlo, a corromperlo e a convertirlo.

Politica e danza vengono messe sullo stesso piano, i loro riti sfociano in performances eclatanti capaci di far cambiare posizione, di creare e distruggere contemporaneamente; non a caso il passato dello psicoterapeuta – marito di una donna deportata in campo di concentramento – e l’attivismo politico di Patricia vengono usati come armi a doppio taglio, come esche, come scudi per confondere, simulare e dissimulare, per far perdere a chiunque – anche allo spettatore – la lucidità.

Annunci

Cedevoli istanti


Sublimato in una caverna di pura catarsi chimica, il suolo richiama alla memoria ogni istante di cedevoli istanti disincarnati.

L’immaginario dallo spazio profondo – Carmilla on line


L’immaginario creato dalla letteratura e dal cinema di fantascienza offre visioni di civiltà extraterrestri nelle quali la vita si svolge in modo estremamente diverso da come è sulla Terra, con tutte le sue implicazioni di carattere sociale, politico, economico. Però, in realtà, in quell’immaginario che arriva dallo spazio profondo, dai più lontani interstizi stellari, non ci siamo altro che noi. Sono gli usi e i costumi degli esseri umani, la loro politica e la loro società ad essere ‘travestiti’ e trasformati in sembianze diverse e lontane. Per mezzo di immaginari che mettono in scena mondi extraumani, l’umanità riconosce se stessa e impara a dominare le sue paure legate all’apparizione del diverso e dello straniero. Non a caso, per definire un extraterrestre si usa spesso la parola “alieno”, termine connesso al latino “alius”, “un altro”, ma anche “l’altro” da noi, il “diverso”. Ebbene, l’alieno è l’incarnazione al grado più alto del diverso ma anche dell’uguale, perché esso nasce da un immaginario fantascientifico che lo crea a immagine e somiglianza degli esseri umani. In questo immaginario, poi, si moltiplicano a dismisura le più svariate implicazioni utopiche e distopiche legate alla creazione di mondi e civiltà extraterrestri.

Avete mai letto un abstract più potente per quanto riguarda la SF? Su CarmillaOnLine

Poesia surreale


Portenti di lettura in complessità aliene, alte decine di chilometri standard; il distanziarsi dall’umano è poesia intrinseca surreale.

That Glow Tho


Flusso sintetico di pura estetica grossolana.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: